Skip to content

#wikipedia15

15 gennaio 2016

All’Aquarium of the Bay di San Francisco sono molto orgogliosi dei loro squaletti locali. Nel tunnel dal quale è possibile ammirarli, la naturalista Ghis racconta un po’ di cose mentre viene somministrato loro il pasto quotidiano. Si concentra sui piccoli cambiamenti che tutti possono fare per preservare l’habitat di queste affascinanti creature, ad esempio, adottare un’alimentazione sostenibile; ma c’è spazio anche per le curiosità, come il fatto che gli squali attacchino i surfisti perché confondono la loro silhouette sulla tavola con quella delle foche (e che solitamente accortisi dell’errore non si accaniscano sulla vittima, che quindi ci rimette più spesso un arto che non la vita), e che più persone muoiano per colpa di un selfie che in seguito all’attacco di uno di questi animali. Se siete wikipediani, questo lo sapevate già. La lista degli incidenti e delle morti dovuti ai selfie è una voce di cui probabilmente avete già sentito. Probabilmente non è da lì che la naturalista ha appreso di quella curiosa statistica, ma è comunque citata nell’articolo del Telegraph che lei avrà certamente letto (e ovviamente, la voce cita a sua volta quell’articolo proprio nel paragrafo d’apertura). Sarà un aneddoto banale, ma è utile a veicolare un’informazione importante e soprattutto corretta, che aiuti intanto a staccare dallo squalo l’etichetta di animale pericolosissimo che certa industria mediatica e cinematografica gli ha affibbiato. È il tipo di informazione che i bambini presenti possono ricordare, e diffondere, molto bene. È il tipo di notizia che resta in testa anche a me.

Non possiamo controllare cosa le persone vogliono imparare, o perché. Non possiamo evitare che Wikipedia ispiri qualcuno e lo aiuti nella ricerca per un nuovo test che riveli la presenza del cancro al pancreas. Non possiamo impedire che il nostro sito diventi una fonte di informazione fidata su una malattia devastante come l’Ebola.

Quello che possiamo fare è riconoscere che il Web, come tutto del resto, è in continuo cambiamento; che ne siamo protagonisti da 15 anni; che non è detto che lo saremo nei prossimi 15. La parte su cui possiamo intervenire è solo quest’ultima. Wikipedia è un sito di cui gli utenti, persino alcuni di quelli attivi, ignorano l’unicità (che, ve lo rivelo volentieri, sta principalmente nella combinazione dei 5 pilastri. Naturalmente non sta tutto lì. Avete mai notato che ad esempio essi non menzionano che gli autori sono volontari?), anche se tutti hanno un motivo per riconoscerne l’importanza nella propria vita. Mi piacerebbe che noi utenti ci concentrassimo su questo, su quanto WP conti per noi, e su come questo significhi qualcosa di completamente diverso per ognuno. Se riconosciamo che non ci può essere un unico modo di intenderla, consultarla, viverla, allora forse potremo iniziare anche a parlare, più seriamente di quanto fatto finora, di come mantenerla in vita, innovarla, migliorarla.

UPDATE: mi è piaciuto il post di Magnus su https://blog.wikimedia.org/2016/01/18/fifteen-years-wikipedia-magnus-manske/ e i suoi interventi in merito su https://lists.wikimedia.org/pipermail/wikimedia-l/2016-January/081219.html .

 

Annunci
No comments yet

Lascia un messaggio in talk:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: